Conoscenza di sè

Foto scattata da me (Roma)
In questo articolo approfondiamo l’argomento della Conoscenza e della Coscienza di sé. Per farlo ho tratto qualche anteprima dal mio libro. Iniziamo facendoci una domanda basilare. “Chi siamo?”

“Viviamo in un mondo costruito, le città sono costruite, le strade sono costruite; così in questo mondo costruito, le nostre convinzioni, sono fragili e distruttibili.” dal mio libro ©La Fragilità può essere DistruttaOrdina Qui

Di solito, o quantomeno nella nostra epoca, proviamo a “definirci” attraverso qualcosa che è sempre “al di fuori di noi” e che rappresenta, a dire il vero, soltanto un’immagine riflessa (e falsata) di noi stessi: un profilo social, un lavoro, una diagnosi, altro ancora.

Attraverso un’etichetta che ci dia un valore, un’importanza o un riconoscimento sociale, noi crediamo di conoscerci. “Io sono uno scrittore”. Ma sono uno scrittore adesso che scrivo; non lo ero in passato e forse non lo sarò in futuro, o nemmeno fra un’ora. Potrei essere altro. “Potrei non esserlo”.

Da queste fazioni, divisioni, ed etichette nasce il conflitto che genera dolore.

Quando, allora, possiamo davvero Conoscerci? Proviamo a pensarci. Si è qualcuno, solo se qualcun altro è lì a riconoscere il nostro valore, non è così? Questo significa che per essere davvero qualcuno – e non qualcosa descritto da un’etichetta – è necessario essere in relazione con qualcun altro.

Sicurezza = Conoscenza?

Le risposte a queste domande esistenziali nel corso del tempo, sono sempre state esaudite da una dottrina di matrice “religiosa” o “scientifica” al di fuori noi: dunque mi chiedo, perché l’individuo nonostante questo, è sempre insoddisfatto?

L’attuale schema sociale ha raggiunto, come in nessun altro tempo, un livello di conformismo tale da definire l’esistenza come una prigione dell’essere in cui la “normalità” è seguire i diktat del piacere, cercando di sfuggire al dolore diagnostico, per assicurarsi sicurezza e protezione, come in una dottrina spirituale.

Abbiamo adottato svariati metodi per fuggire dal dolore: molti di noi puntano verso lo stesso obiettivo, ovvero la certezza della conoscenza in ogni campo. Dobbiamo avere la certezza di chi siamo psicologicamente, finanziariamente – ma anche sessualmente e diagnosticamente – ma l’individuo che elude il dolore in realtà già sta fuggendo dalla conoscenza.

Siamo proiettati in un futuro così pieno di speranze che non riusciamo più a vivere nel presente.

La società (o meglio l’insieme delle credenze delle persone) vede la sofferenza come un sintomo da eliminare e non comprendere; questo però porta alla negazione e alla repressione dei nostri desideri profondi. Diciamo “sono basso ma devo essere alto” perciò il conflitto che genera dolore nasce dalla negazione di una parte di sé.

A dire il vero, la condizione di sofferenza si nasconde dietro la realtà quotidiana di un vissuto non indipendente, vincolato da qualcuno o qualcos’altro, o dall’essere sottoposti a una costrizione costante: una subordinazione lavorativa, una costrizione familiare o relazionale, consumando inconsciamente, una coercizione infantile.


Il mio libro

©La Fragilità può essere Distrutta


“Con mia triste esperienza ho appreso che la ragione dell’Infelicità umana dipende dall’Aspettativa: aspettare Qualcuno, aspettare Qualcosa; aspettare che qualcosa cambi attraverso un sacrificio Morale, Lavorativo, Religioso, Psichico. E indossiamo una MASCHERA per integrarci. Ma qualcun altro o qualcos’altro in Natura a parte la nostra “intelligenza” ha bisogno di compiere Sforzo, per essere felice? Allora lo Sforzo di cambiarsi in relazione alle Aspettative credo, sia la Ragione dell’Infelicità. Ovvero la Ricerca della Felicità stessa.” ©La Fragilità può essere Distrutta – Simone Capuano

Sinossi

©La Fragilità può essere Distrutta


Dall’Accettazione di Sè al di là dagli stigmi e i dogmi sociali, può avvenire la Conoscenza del Vero Sè. Nel mio primo libro analizzo le cause di disagi psicologici, sessuali, culturali e dell’influenza della società sui disagi interiori.

Il Disagio Emotivo fa parte del Sè o nasce da un Disagio della Società? La Sensazione e il Sintomo dove si differenziano? Il Sintomo in sè è variabile; qual’è il Parallelismo Sintomo/Sentimento in relazione al Sè e alla Società?

Cerca per categoria

Argomenti


Clicca su un Argomento per approfondire le tematiche del libro, nel blog:

Abbandono EmotivoAbusi Adattamento Alienazione – Angoscia e Ansia Conformismo Conoscenza di SèControllo e RepressioneCoraggio e Ribellione Depressione – Dottrina del Sintomo – DSM – Dualità e Normalità – Ebraismo – Empatia – Essere Se Stessi – Giudizio del “diverso”Ricerca di Felicità e Fuga dalla Sofferenza – Identificazione nel Sintomo – Identificazione Proiettiva – Indipendenza di Sé – InfanziaMalattia e Occulto Meccanismi di DifesaOrigine dei Disagi Psichici – Passione – Patologia della SocietàPsicoterapia – Razionalizzazione – Razzismo – Relazioni Funzionali e DisfunzionaliRelazioni Genitore / Figlio Relazione Terapeuta/Paziente – Sadismo – Senso di Colpa e Vergogna – Sintomo Psichico e Simbolo Religioso – Sicurezza e InsicurezzaStigma Sociale TimoreUmore Vuoto Emotivo e Creativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *